Caricamento Eventi

Il gioco costituisce un’attività naturale e spontanea per chiunque: bambino, adulto o anziano. Un’esperienza che, a partire dai primi giochi sensoriali ed imitativi dentro la relazione madre-bambino, costituisce la base dei successivi giochi ed esperienze di vita. Un’attività piacevole e creativa con il coinvolgimento di tutte le funzioni psicomotorie dell’individuo. In questo senso, il gioco si struttura sempre più con contenuti emotivi, cognitivi e comunicativi dove il corpo costituisce il mediatore tra il mondo interno del soggetto e la realtà, un mezzo per mettere in azione i contenuti psichici integrandoli con la motricità e gli oggetti.

Per essere tale, il gioco ha bisogno dell’immaginazione quale prolungamento espressivo dell’immagine corporea. Tutto questo in uno spazio-tempo in cui si anticipa l’esperienza reale successiva. Esso , allora, costituisce un indicatore dell’armonia o del disagio della persona Se il gioco costituisce un elemento vitale per l’individuo, di sicuro è un valido strumento di valutazione e di intervento.

Parole chiave: gioco psicomotorio * prevenzione * osservazione psicomotoria * patologia * presa in carico psicomotoria.

Contenuti: Natura e finalità del gioco *  Le componenti del gioco *  Il gioco nelle diverse culture *  Gioco e sviluppo psicomotorio * Lo spazio-tempo del gioco e nel gioco * Emozione e gioco * Il gioco come indicatore di salute psichica * Funzioni psicomotorie e gioco * Il gioco patologico * Ruolo e significato dell’oggetto nel gioco * Il gioco come strumento diagnostico * Lo spazio del gioco in prevenzione, pedagogia e terapia * Il gioco psicomotorio * Uso e metodologia del gioco terapeutico

Metodologia:  teoria * casi clinici * esperienze pratiche

 

ECM: IN FASE DI DEFINIZIONE (rilasciati da Regione Veneto solo a chi esercita la professione nel Veneto)

 

Giorno: venerdì 12 novembre 2021

Orario 18:00 – 20:30

 

Relatori: Bottini, P. (Ag), Sassano, M. (Ag)

Webinar con traduzione consecutiva

Go to Top