• Dic
    01

    III CONGRESSO INTERNAZIONALE
    PSICOMOTRICITÀ… DALL’EVOLUZIONE ALL’INVOLUZIONE…

    Un’esperienza corporea di benessere e di aiuto

    1-2-3 DICEMBRE 2017

     

    La persona è un essere psicomotorio a partire dalla nascita, se non prima, sino al suo ultimo respiro lasciando comunque delle tracce come segno di una continuità spazio-temporale dell’esistenza individuale e sociale. Un percorso, la cui
    armonia o disarmonia psicomotoria costituiscono un indicatore oggettivo di salute o di disagio psicosociale. Al di là dei fisiologici cambiamenti nel corso degli anni, anche in rapporto alla tipologia e qualità delle esperienze, il bisogno di
    iniziative senso-percettivo-motorie, di vissuti corporei e di simbolizzazione all’interno di una relazione intersoggettiva rimane immutato.

    Elementi questi che strutturalmente costituiscono un’unità, sostenuta sia dai dati scientifici sia dallavoro clinico psicomotorio. E, al di là delle apparenze, tutte le età hanno dei momenti di fragilità psichica che trovano nel corpo la loro via privilegiata di espressione psicomotoria più o meno disordinata. E questo soprattutto nella società attuale e del prossimo futuro in cui l’uomo si trova tra la spinta evolutiva o involutiva da un lato e le pressioni o il disinteresse
    da parte dell’ambiente. Situazione in cui, oltre alle tradizionali patologie psicomotorie, oggi esistono e si intravedono nuovi disordini che richiedono adeguate competenze professionali in vista di una prevenzione ed una presa in carico coerenti. E la Psicomotricità, con i suoi strumenti di valutazione e di intervento fondati sul dialogo tonico-emozionale, diversificati per età, patologia e situazione socio-istituzionale, è sempre pronta a favorire e sostenere l’equilibrio
    della persona, dove il corpo costituisce quel dato sensibile a cui nessuno può sfuggire. Un contributo in tal senso viene,  quindi, anche dallo psicomotricista che, per la sua specifica formazione, si rende disponibile a salvaguardare il meglio Mpossibile l’equilibrio del singolo in funzione anche di quello familiare, sociale ed istituzionale.

     

    Temi :

    • attualità scientifica della psicomotricità

    • psicomotricità tra neuroscienze e psicologia
    • evoluzione-involuzione: quale significato?

    • i disordini psicomotori nelle diverse età:  neonato, bambino, adolescente, giovane, adulto, anziano

    • corpo, società attuale e nuove problematiche

    • le nuove dipendenze

    • bisogni psicocorporei e identità psicomotoria  nelle diverse realtà familiari e sociali

    • corpo e stress sociale

    • attualità e specificità della  valutazione e dei test psicomotori

    • i nuovi mediatori

    • corpo e apprendimento

    • corpo e nuove dimensioni spazio-tempo

    • psicomotricità, rilassamento e grafomotricità di fronte alla tecnologia

    • l’ascolto psicocorporeo nelle cure palliative • il corpo nelle imprese • psicomotricità verso il futuro: quale formazione per nuove risposte.

     

     

    Relatori invitati:

    Ansermet F. (CH), Battistella K. (It), Baudacci S. (It), Bongiovanni L.G. (It),  Boscaini Fr. (It), Boscaini Fl (It), Cattafesta S. (It), Dalla Bernardina B. (It), Darra F. (It), Diaz A. (Es), García Núñez J.A. (Es), Giacomazzi D. (It), Giromini F. (F), Golse B. (F), Hermant G. (F),  Madera M.R. (It), Magistretti P. (CH), Martins R. (Pt), Pajno Ferrara F. (It), Pellegrini C. (It), Saint- Cast A. (F), Trivellato E. (It), Wittengstein Mani A.F. (CH) e altri.
    Traduzione: in consecutiva

    Sede: da definire

    Quota di partecipazione:

    • euro 140,00 + IVA entro il 30 giugno;
    • euro 180,00+IVA entro il 30 settembre; dal 1 ottobre 210+IVA (con ECM la quota è maggiorata di euro 40,00)
    • – 10% sconto studenti associazioni OIPR
    • – 10% sconto soci APPI

    COLLABORA CON NOI

    Si accettano proposte di interventi nelle Commissioni in parallelo (brevi relazioni e workshop) e  poster, che devono essere inviate al CISERPP entro il 30 maggio e saranno accettate dopo il vaglio da
    parte della Commissione Scientifica. L’accettazione delle proposte dà diritto allo sconto del 20% sulla  quota di partecipazione.