Il D. Lgs. 231/01 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la responsabilità delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica (i c.d. Enti) per reati commessi nel loro interesse da dipendenti, da soggetti posti in posizione apicale o da soggetti terzi operanti per loro conto.

Tra i reati compresi dal D. Lgs. 231 si ricordano quelli contro la pubblica amministrazione, contro il patrimonio, contro la fede pubblica, i reati societari, finanziari, transazionali, i reati di omicidio e di lesione colposa, di violazione delle norme antinfortunistiche e di tutela dell’igiene e della salute sul lavoro, i reati informatici, i reati sulla violazione del diritto d’autore, i delitti di criminalità organizzata, i delitti contro l’industria ed il commercio ed anche i reati ambientali.

Le aziende possono cautelarsi adottando e facendo rispettare modelli di organizzazione e gestione interna, al fine di prevenire i suddetti reati.

CISERPP si è dotata di un proprio specifico modello gestionale, così come previsto dal decreto ed approvato dal CdA.

Il Modello è stato concepito e predisposto tenendo conto dell’attività svolta da CISERPP. E’ stato nominato altresì l’Organismo di Vigilanza che monitora il funzionamento e l’osservanza del Modello.